Battaglia di Lissa, per i valorosi marinai veneti ben 49 medaglie dall’Austria, l’oblio vergognoso da parte dalla madrepatria veneta.

  Oggetto: Battaglia di Lissa, per i valorosi marinai veneti ben 49 medaglie dall’Austria,  l’oblio vergognoso da parte dalla madrepatria veneta. A Lissa il 20 luglio 1866 gli eredi della Serenissima (veneti,istriani e dalmati) ossatura della marina asburgica sconfissero clamorosamente la marina tricolore (che brillava per la rivalità tra le tre componenti, sarda, siciliana e napoletana) che tanto baldanzosamente aveva affrontato la battaglia, forte della propria superiorità numerica e bellica, e quel "uomini di ferro su navi di legno hanno sconfitto uomini di legno su navi di ferro”  fotografa mirabilmente lo scontro navale. "....deghe drento, Nino, che la ciapemo" così si rivolse l'ammiraglio Tegetthoff al timoniere  e  all'annuncio della vittoria gli equipaggi  risposero lanciando i berretti in aria e gridando "Viva San Marco!!" L’impero asburgico riconobbe il valore dei marinai veneti, come viene dimostrato dall’elenco dei decorati: Medaglie d’oro: PENSO TOMMASO                                                       Chioggia VIANELLO VINCENZO detto GRATAN                     Pellestrina - Venezia Medaglie d’argento di prima classe: ANDREATINI ANTONIO                                                Venezia PENZO TOMMASO detto OCCHIAI                                Chioggia MODERASSO ANTONIO                                                  Padova PREGNOLATO PAOLO                                                  Loreo – Rovigo GHEZZO PIETRO                                                             Malamocco - Venezia DALPRA’ MARCO                                                         Venezia VARAGNOLO ROMA PIETRO FERDINANDO           Chioggia