In memoria di Rovilio Costa

da "L'Indipendenza" di martedì 12 giugno 2012 Vorrei ricordare per i lettori di “L’Indipendenza” un grande della cultura “taliana” (veneto-brasiliana), scomparso tre anni fa, proprio in questi giorni, il 13 giugno 2009, giorno di S. Antonio: Rovilio Costa, morto a Porto Alegre nel Rio Grande do Sul (Brasile) a 74 anni. Rovilio era un frate capuccino, laureato in filosofia e pedagogia, che pubblicò più di 20 libri e, che, come editore con la EST riuscì a stampare più de 2.000 volumi, in gran parte incentrati sulla storia, sulla cultura, sulle tradizioni di quei nostri fratelli costretti ad emigrare nel sud del Brasile verso la fine dell’ottocento in seguito alla fame, alla miseria, alla disperazione portate nelle nostre terre dai “liberatori” sabaudi. “Patrono” della 51 “Fiera del libro” di Porto Alegre nel 2005, (la più importante manifestazione del genere in Brasile); in quella occasione erano state raccolte una serie di testimonianze di studiosi di tutto il mondo; fra queste anche la mia, che vorrei riproporre agli amici di “L’Indipendenza” per ricordare un Grande che ha dedicato la propria esistenza alla difesa e alla valorizzazione della cultura “taliana” “A go conossù Rovilio Costa do volte: la prima, lezendo i so libri che i me jera sta regalà da Paulo Massolini quando che so vegnù nel Rio Grande do Sul par la prima volta nel 1994. Libri come “Assim vivem os italianos” e “Far la Merica” che i me ga fato conossare la cultura “taliana” e on patrimonio straordinario de lengua, de tradizion, de civiltà, che i me ga fato conossare on altro Veneto de la dal mar, de la de l’Oceano. La seconda, quando che go vu la fortuna de conosserlo de persona, a casa sua. E Rovilio, par capir ben la so dimension, el so spessor, la so cultura e la so modestia, tute e do smisurà, bisogna andar a catarlo in mezo ai so libri. E quanto che te resta drento dopo che Te lo ghe scoltà par on poco….. Tra pile di libri che Dio solo sa come che i fa a non cascar, tra on poca de polvere che no la da fastidio ma che la ze la a testimoniar noti e noti a studiar, a ricercar, a scrivere, tra el profumo de stanpa e inchiostro vien fora la grandezza de sto omo dai oci grandi e da la vose calma, profonda e che te ciapa. Na vose pronta a diventar on torente in piena quando che se trata de difender el “talian” magari di fronte a qualche profesoron che riva da l’Italia e che voria pretender de insegnar solo “l’italiano grammaticale”, zente che dimostra de non aver capio gniente de quanto grando ze sta el laoro fato par difender e tramandar on patrimonio che ben altra considerazion el meritaria e, non solo in Brasile ma specialmente nel Veneto e in Italia. E pensar che le nostre università (mejo le università italiane) le ghe da le lauree “honoris causa” a cantanti, motociclisti e vanti cussì, e na figura come Rovilio, on munumento vivente de la cultura “taliana” come Rovilio Costa vien ignorà. Cosa zela, invidia, ignoransa o Rovilio l’è on omo ( mejo on Omo con la O maiuscola) masa libero e lora lasemolo là a Porto Alegro che se lo fasemo vegner in Italia el podaria scominziar a far dani anca qua…..El podaria aiutar tanta zente a svejarse fora….. Grasie, Rovilio par tuto quelo che Te ghe fato par i taliani del Brasile e par i veneti che ze restà nel Veneto e che el Signor el Te daga tanta salute par continuar a restar el “monumento vivente”, el faro de la cultura taliana nel Brasile e nel mondo.” Ciao Rovilio, on strucon… ETTORE BEGGIATO Cittadino onorario de Serafina Correa - Rio Grande do Sul - Brasile